In Croazia parte un progetto per l’avvio di un’avannotteria di ostriche piatte

Due imprenditori croati, Ivan Zovko e Dominik Mihaljević, in coordinamento con l’Università di Dubrovnik, stanno progettando l’apertura del primo vivaio croato di ostriche piatte europee.

Le ostriche piatte europee (Ostrea edulis) sono considerate una prelibatezza, con un caratteristico sapore leggermente metallico. Ma sono rare, principalmente a causa della loro suscettibilità alle malattie, in particolare le infezioni del parassita Bonamia ostrea, che ne provoca la morte prima che possano raggiungere la dimensione commerciale.

Le ostriche piatte sono particolarmente famose in Croazia nella località turistica di Mali Ston dove c’è una lunga tradizione di coltivazione delle ostriche risalente all’epoca romana. Mali Ston è un villaggio sulla penisola di Pelješac e ospita le mura di Ston, il più grande muro dopo la Grande Muraglia cinese. Molti turisti visitano la città e consumano le ostriche, considerate la specialità locale.

La Croazia al momento non ha registrato casi di Bonamia ostrea o di altre malattie. Tuttavia, la produzione è bassa. Il Paese produce solo circa 1000 tonnellate all’anno (MT), quasi tutte sono destinate ai ristoranti locali. Le esportazioni in Italia, Spagna e Francia ammontano a poche tonnellate.

“Noi non possiamo produrre abbastanza, anche se la grande linea costiera della Croazia offre molto spazio per aumentare la produzione. Non ci sono stati molti finanziamenti in acquacoltura negli ultimi decenni dopo la guerra in Croazia – l’ex Jugoslavia – e non c’è mai stata un’iniziativa abbastanza forte per sviluppare la tecnologia necessaria per aprire un vivaio commerciale per ostriche piatte europee”, ha detto Zovko.

Il progetto oggi si sta concretizzando grazie anche ai finanziamenti dell’Unione europea (la Croazia ha aderito all’UE nel 2014). L’UE ha fornito fondi al paese per progetti di sviluppo economico in numerosi settori, compresi i trasporti e l’agricoltura.

“A causa dell’offerta limitata di ostriche selvatiche, l’esportazione non è mai stata un’opzione per gli allevatori di ostriche locali. Con l’incubatoio possiamo aumentare la produzione di cinque volte in meno di tre o quattro anni. Il nostro obiettivo è commercializzare il prodotto nei ristoranti e nei bar fino a quando non ci confermeremo  produttori di ostriche di prima qualità nei mercati giapponesi e mondiali “, ha detto Zovko.