Acquacoltura. Gli Stati Uniti rivitalizzano il settore

L’acquacoltura potrebbe rivelarsi un settore importante per aiutare la crescita economica americana, il comparto potrebbe contribuire fortemente alla creazione di nuovi posti di lavoro.

Sostenere l’industria ittica degli Stati Uniti, con particolare riferimento al settore dell’acquacoltura, è da sempre una delle principali priorità per Wilbur Ross, dal 2017 segretario al Commercio sotto l’amministrazione Trump.

Ross ha parlato spesso di ridurre il deficit del commercio di prodotti ittici in un paese in cui il 90% del pesce consumato proviene dai mercati esteri. Aumentare la produzione di prodotti ittici è adesso il nuovo obiettivo da raggiungere e per farlo l’acquacoltura è considerata la componente chiave della strategia messa in atto.

“Una forte industria dell’acquacoltura marina statunitense svolgerà un ruolo chiave nella sicurezza alimentare degli Stati Uniti e migliorerà il nostro equilibrio commerciale con le altre nazioni”, ha affermato il dipartimento nel suo recente Rapporto strategico 2018-2022 , che si concentra sull’aumento delle opportunità per l’acquacoltura come strategia per la creazione di posti di lavoro.

L’acquacoltura in America è fallita mentre l’industria è esplosa altrove. Nel 2015 sono stati prodotti oltre 106 milioni di tonnellate di prodotti ittici in allevamenti marini. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno rappresentato solo lo 0,4 percento di quel totale.

Questo a causa del processo normativo per l’approvazione degli allevamenti ittici nelle acque federali. Spesso i progetti di acquacoltura sono stati bloccati perché hanno richiesto i permessi di varie agenzie, come l’Army Corps of Engineers e l’Environmental Protection Agency.

Il dipartimento del commercio chiede adesso l’istituzione di uno sportello unico per il processo di autorizzazione nel settore dell’acquacoltura marina e con un DDL il senatore Roger Wicker aveva indicato il National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) come coordinatore del processo federale di autorizzazione.

Il dipartimento del commercio vuole collaborare con i partner industriali per condurre ricerche in acquacoltura, in particolare per progetti dimostrativi.

“Questi programmi pilota faciliteranno la redditività commerciale della produzione di acquacoltura marina”, afferma il rapporto. La NOAA Fisheries “utilizzerà la ricerca sull’acquacoltura per risolvere i problemi della produzione relativi a ubicazione, malattie, genetica e genomica, stock di avannotti e disponibilità di mangimi”.

Sostenere l’acquacoltura non è l’unico modo in cui i funzionari del commercio stanno cercando di aumentare la produzione di prodotti ittici nazionali.

Un altro modo in cui propongono di farlo è trovare modi per massimizzare il valore della pesca americana.

“Il NOAA garantirà che le attività di pesca e i loro habitat siano gestiti per ottimizzare la raccolta commerciale sostenibile e le opportunità ricreative, preservando al tempo stesso le risorse marine per le generazioni future”, afferma il rapporto. “Garantiremo che i pescatori statunitensi non siano svantaggiati da pesca illegale o non regolamentata, pratiche commerciali scorrette da parte di altre nazioni o etichettatura ingannevole di prodotti ittici”.