I cambiamenti climatici causeranno forti perdite economiche al settore ittico
In evidenza

12 Settembre 2016
Author :  

Il settore della pesca mondiale rischia di perdere circa 10 miliardi di $ del fatturato annuo entro il 2050 se il cambiamento climatico continuerà incontrollato e, i paesi che sono maggiormente dipendenti dalla pesca saranno i più colpiti, questo è quanto emerge da una nuova ricerca UBC (Institute for the Oceans and Fisheries).

I cambiamenti climatici, come l'aumento delle temperature delle acque, le variazioni di salinità degli oceani, i livelli di acidità e di ossigeno, causeranno una riduzione delle catture, come evidenziato da precedenti ricerche UBC. In questo recente studio, gli autori hanno esaminato l'impatto finanziario delle perdite previste per tutti i paesi interessati dalla pesca nel 2050, rispetto al 2000 . "I paesi in via di sviluppo più dipendenti dalla pesca saranno i più colpiti", sostiene Vicky Lam, autore principale dello studio. "È necessario attuare migliori piani di gestione delle risorse marine per aumentare la capacità di fronteggiare i cambiamenti climatici".

Mentre molte comunità stanno prendendo in considerazione l'acquacoltura come una soluzione per alleviare l'onere finanziario causato delle diminuzioni delle catture, i ricercatori hanno esaminato il settore che se pur in crescita fa registrare una perdita di ricavi. "I programmi di adattamento ai cambiamenti climatici, come lo sviluppo dell'acquacoltura, possono essere visti come una soluzione", ha detto William Cheung, professore associato presso l'Istituto UBC e co-autore dello studio.

"Tuttavia, invece di alleviare l'onere finanziario delle perdite di pesca, potrebbe far scendere il prezzo dei pesci, portando a ulteriori diminuzioni dei ricavi nel settore della pesca". I ricercatori hanno utilizzato modelli climatici dell’Intergovernmental Panel on Climate Change per esaminare l'impatto economico dei cambiamenti climatici sulle risorse ittiche e dei ricavi della pesca nell'ambito di due scenari di emissione. In uno scenario di alta emissione, i tassi continuano a salire senza controllo, mentre in uno scenario a basse emissioni il riscaldamento degli oceani viene tenuto sotto di due gradi Celsius. "I ricavi della pesca mondiale ammontano a circa 100 miliardi di $ ogni anno", ha detto il co - autore della ricerca Rashid Sumaila. "La nostra modellazione mostra che uno scenario di emissioni elevate potrebbe ridurre le entrate della pesca globale in media del 10 per cento, mentre uno scenario a bassa emissione potrebbe ridurre i ricavi del 7 %".

I ricercatori hanno poi evidenziato che i paesi che basano la loro economia sul settore ittico sono i più vulnerabili, compresi i paesi insulari come Tokelau, Isole Cayman e Tuvalu. Mentre molti paesi sviluppati, come la Groenlandia e l'Islanda, potranno registrare aumenti delle entrate poiché i pesci tenderanno a spostarsi in acque più fredde.

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Top
L'Utilizzo dei cookie migliorano il nostro sito . Continua ad utilizzare questo sito web, dai il consenso all'utilizzo dei cookie . More details…