Dalla FAO un kit di acquaponica per aumentare la sicurezza alimentare
In evidenza

05 Dicembre 2017
Author :  

Una nuova iniziativa della FAO permetterà di aumentare la sicurezza alimentare globale. L’idea innovativa permetterà alle persone di allevare pesci nelle loro case usando un kit di acquaponica.

Secondo Iris Monnereau, coordinatrice del Climate Change Adaptation of the Eastern Caribbean Fisheries Project (CC4FISH), progetto sostenuto dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), il movimento acquaponico nazionale sta guadagnando terreno.

"I sistemi acquaponici possono essere collocati all'interno della casa, fornendo così un mezzo sicuro per generare reddito e sicurezza nutrizionale su piccola scala", ha detto Monnereau. "Migliora quindi la sicurezza alimentare senza aumentare ulteriormente le pressioni sulla pesca marittima nella regione, che già si trovano ad affrontare alti livelli di sfruttamento eccessivo".

L'acquaponica è definita come una tecnologia emergente che supporta l'acquacoltura integrata e la produzione vegetale. Combina i due metodi più efficienti nei loro rispettivi campi: sistemi di acquacoltura a ricircolo (RAS) e idroponica.

"L’acquaponica combina questi due sistemi di produzione: l'acqua di acquacoltura ricca di nutrienti viene ricircolata attraverso letti di coltura idroponica standard", ha spiegato Monnereau. "Questo elimina la necessità di fertilizzante, poiché tutti i nutrienti richiesti dalle piante vengono forniti attraverso i rifiuti di pesce. Le piante puliscono l'acqua per il pesce, eliminando la necessità di scambi idrici e riducendo così la necessità di acqua".

Per promuovere l'adozione di questa forma sostenibile di produzione alimentare, la FAO ha lanciato il progetto "Far progredire l'acquaponica: un uso efficiente delle risorse limitate: verso una rivoluzione blu dei Caraibi", in Antigua e Barbuda, Bahamas, Barbados, Saint Kitts e Nevis.

La dotazione del kit acquaponico è accompagnata da un corso intensivo che rende facile approcciarsi al sistema.

Il programma di formazione della FAO in acquaponica è stato creato in risposta alla sfida della fame zero lanciata nel 2012 dall'allora segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon, in una conferenza tenutasi a Rio de Janeiro, in Brasile. Alla conferenza, il segretario generale ha invitato i governi, le organizzazioni internazionali, i leader politici e aziendali, la società civile, gli accademici e gli attivisti a intensificare gli sforzi per porre fine alla fame. "In un mondo di abbondanza, nessuno - non una sola persona - dovrebbe soffrire la fame", aveva detto Ban Ki-moon.

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Top
L'Utilizzo dei cookie migliorano il nostro sito . Continua ad utilizzare questo sito web, dai il consenso all'utilizzo dei cookie . More details…