FAO. America Latina e Caraibi nuovi protagonisti del settore ittico
In evidenza

11 Gennaio 2018
Author :  

La FAO ha stimato che entro i prossimi 10 anni l'America Latina e i Caraibi vedranno l'aumento più rapido del consumo pro capite di pesce. Secondo “The State of World Fisheries and Aquaculture, 2016”, nella regione, tra il 2015 e il 2025, è prevista una crescita del consumo di pesce del 22 percento, passando da 10 a 12 chilogrammi all'anno pro capite.

Si prevede inoltre che Asia e Oceania vedano aumentare rapidamente il consumo di prodotti ittici, con una crescita prevista del 12%. Al contrario, il consumo di pesce in Nord America dovrebbe crescere solo del tre percento in quel periodo e la crescita dell'Europa sarà inferiore al sette percento. "Importanti aumenti del consumo sono previsti in Brasile, Perù, Cile, Cina e Messico. Il consumo di pesce rimarrà statico o diminuirà in alcuni paesi, tra cui Giappone, Federazione Russa, Argentina e Canada. Un lieve aumento (due percento) è previsto per l'Africa", afferma il rapporto biennale della FAO.

Per soddisfare questa crescente domanda il rapporto prevede che le importazioni di pesce dall'America Latina e dai Caraibi aumenteranno di circa il 35%, contro la prevista crescita globale delle importazioni del 21% e la crescita delle importazioni dei paesi sviluppati di poco meno del 18%. Si prevede che le esportazioni di pesce dei paesi sviluppati aumenteranno di circa il 20%, contro le esportazioni dell'America latina e dei Caraibi, che si prevede aumenteranno solo del 17% entro il 2025.

Tuttavia, il rapporto sottolinea: "La regione dell'America Latina e dei Caraibi rimane un solido esportatore di pesce, così come l'Oceania e i paesi in via di sviluppo dell'Asia. L'Europa e il Nord America sono invece caratterizzati da un deficit commerciale della pesca".

Il rapporto disaggrega i dati sull'acquacoltura dell'America Latina e dei Caraibi, dimostrando che tra il 2010 e il 2014 l'acquacoltura dei Caraibi è diminuita da 37.000 tonnellate (MT) a 33.000 e la sua quota di produzione acquicola globale è passata dallo 0.06 allo 0.05%. D'altro canto, la produzione dell'acquacoltura in America Latina - escluso il Cile - è cresciuta da 1,1 milioni di tonnellate nel 2010 a 1,5 milioni nel 2014. La quota dell'America Latina nella produzione mondiale dell'acquacoltura è quindi cresciuta dall'1,9% al 2,1%. La produzione di acquacoltura in Asia si è attestata a 66 milioni di tonnellate nel 2014, pari all'89% della produzione mondiale. Nel contestualizzare i dati, il rapporto osserva che in America Latina e nei Caraibi vi è "una diminuzione della crescita demografica, una diminuzione della popolazione economicamente attiva nel settore agricolo nell'ultimo decennio, una crescita moderata dell'occupazione nel settore della pesca, diminuzione della produzione di cattura e una produzione di acquacoltura piuttosto alta e sostenuta".

L'acquacoltura è destinata a crescere nei Caraibi e in America Latina, creando una produzione più elevata ma non i corrispondenti posti di lavoro, afferma il rapporto. In America Latina e nei Caraibi, 356.000 persone sono attualmente coinvolte nell'acquacoltura. Secondo i dati 2014 il 4% della popolazione mondiale impegnata in attività di pesca e acquacoltura si trova in quella regione, l'84% in Asia e il 10% in Africa. Per il 2014, c'erano solo 2,5 milioni di lavoratori dell'acquacoltura in America Latina e nei Caraibi, rispetto a poco meno di 2,2 milioni nel 2010. Al contrario, "l'Europa e il Nord America hanno sperimentato le maggiori riduzioni proporzionali del numero di persone impegnate nella pesca di cattura, e un lieve aumento o addirittura una diminuzione di coloro che praticano la piscicoltura".

Il rapporto evidenzia inoltre che il 6% della flotta globale da pesca è in America Latina e nei Caraibi, e comprende 276.000 pescherecci principalmente artigianali di lunghezza inferiore a 12 metri. L'Asia ha il 75% della flotta peschereccia mondiale, e l'Europa e il Nord America rispettivamente il due percento.

I dati mostrano una fornitura mondiale di pesce di 147 milioni di tonnellate di peso vivo per il periodo 2013-2015 con l'America Latina e i Caraibi che prendono 6 milioni di tonnellate. Preoccupati per gli sprechi, la FAO e il Global Environment Facility hanno lanciato un progetto noto come Sustainable Management of Bycatch in Latin America and Caribbean Trawl Fisheries (REBYC-II LAC) (2015–19), che "mira a ridurre la perdita, ad aumentare il supporto alimentare e i mezzi di sussistenza sostenibili migliorando la gestione delle catture accessorie e riducendo al minimo i rigetti e i danni al fondo marino, trasformando così la pesca con reti a strascico in attività di pesca responsabile."

Secondo il rapporto, "Il progetto studierà il ruolo della cattura accessoria nella sicurezza alimentare e dei mezzi di sussistenza ed esplorerà opportunità di generazione di reddito alternativo per le persone colpite dall'azione di gestione, comprese le donne (spesso coinvolte nella lavorazione e nella vendita di prodotti dalla cattura accidentale). Lo sviluppo delle capacità per la diversificazione dei mezzi di sussistenza è fondamentale per garantire opportunità di lavoro e redditi dignitosi ".

La relazione riflette anche sull'impatto del cambiamento climatico sulla pesca. 

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Top
L'Utilizzo dei cookie migliorano il nostro sito . Continua ad utilizzare questo sito web, dai il consenso all'utilizzo dei cookie . More details…