Un corretto consumo di pesce aiuta a prevenire il morbo di Parkinson
In evidenza

16 Maggio 2018
Author :  

Un nuovo studio condotto in  Svezia suggerisce il legame tra consumo di pesce e una migliore salute neurologica a lungo termine che potrebbe comportare l'assunzione della proteina parvalbumina

La proteina, che si trova in grandi quantità in diverse specie di pesci, ha dimostrato di aiutare a prevenire la formazione di alcune strutture proteiche strettamente associate al morbo di Parkinson.

"La parvalbumina raccoglie la 'proteina di Parkinson' e impedisce che si aggreghi", spiega Pernilla Wittung-Stafshede, professoressa e responsabile della divisione Biologia Chimica della Chalmers University of Technology , e autrice principale dello studio.

Aumentare la quantità di pesce nella nostra dieta potrebbe essere un modo semplice per combattere la malattia di Parkinson. Aringhe, merluzzi, carpe, scorfani, salmone e dentice, presentano livelli particolarmente elevati di parvalbumina, ma la proteina è comune anche in molte altre specie di pesci. 

"Il pesce è normalmente molto più nutriente alla fine dell'estate, a causa dell'aumentata attività metabolica. I livelli di parvalbumina sono molto più alti nei pesci dopo un'estate soleggiata, quindi potrebbe essere utile aumentarne il consumo durante l'autunno", dice Nathalie Scheers, ricercatrice che ha collaborato allo studio.

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Top
L'Utilizzo dei cookie migliorano il nostro sito . Continua ad utilizzare questo sito web, dai il consenso all'utilizzo dei cookie . More details…