Acquacoltura. Dall’UE piano per il rilancio. La Via, importanti margini di crescita e sviluppo
In evidenza

13 Giugno 2018
Author :  

L’Europa punta sulla Crescita Blu, per rivitalizzare un comparto che incide per il 20% sulla produzione totale di pesce e dà lavoro a 85.000 persone. “L’acquacoltura è aperta a importanti margini di crescita e sviluppo, bisogna sfruttare le opportunità che l’Europa mette in campo per promuovere un comparto che offre ancora enormi potenzialità anche e soprattutto dal punto di vista occupazionale, rendendolo competitivo e sostenibile”, ha detto l’europarlamentare Giovanni La Via (FI|Ppe) commentando il testo approvato ieri in plenaria "Verso un settore europeo dell'acquacoltura sostenibile e competitivo".

Attualmente un quarto dei prodotti ittici consumati nell’Unione Europea, incluse le importazioni, sono prodotti da allevamenti, 1,24 milioni di tonnellate di prodotti dell’acquacoltura sono di provenienza europea, per un valore di €.3,51 miliardi.

“Gli stock attuali non sono in grado di soddisfare la crescente domanda di proteine proveniente da pesce nei consumi alimentari dei nostri cittadini. Per soddisfare tale aumento della domanda, l’unico strumento possibile è realizzare un’offerta integrativa di prodotto sostenibile” ha aggiunto l’europarlamentare, dell’idea che si sia imboccata la strada giusta, ovvero “la convergenza verso una gestione razionale basata sulla ricerca scientifica e il progresso tecnologico. L’acquacolturaspiega La Vianon va considerata né alternativa né sostitutiva della pesca tradizionale, bensì complementare ad essa. Oggi si rende necessaria, quindi, una strategia che incentivi e rafforzi un’acquacoltura sostenibile, se vogliamo riuscire a sfamare la popolazione mondiale, che entro la fine del secolo conterà 2,5 miliardi di persone in più, in particolare se il consumo di pesce è il doppio rispetto al passato. La produttività naturale degli oceani e dell’acqua dolce è limitata, mentre questo settore dispone del potenziale per conseguire tale obiettivo”.

Il voto di ieri ha di fatto lanciato una nuova scommessa, per il rilancio dell’acquacoltura. “La strategia europea fin qui si è rivelata efficace. Ogni anno l’Ue investe 20 milioni di euro per il settore, grazie ai fondi di Horizon 2020 e il dialogo con i produttori è sempre più costruttivo, ma – sottolinea –  occorre fare di più a livello amministrativo e burocratico, procedendo allo snellimento delle autorizzazioni, nonché agevolando l’accesso al credito, e lavorando a una piattaforma di sostegno alle imprese”, afferma La Via. “L’acquacoltura ricopre un ruolo importante nella nostra società, perché in grado di offrire ai cittadini alimenti ricchi in nutrienti e rappresenta un complemento ai prodotti ittici derivanti dal settore della pesca estrattiva, con importanti ricadute in tema di nuova occupazione e crescita economica”, ha concluso l’europarlamentare siciliano.

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Top
L'Utilizzo dei cookie migliorano il nostro sito . Continua ad utilizzare questo sito web, dai il consenso all'utilizzo dei cookie . More details…