FAO. L'acquacoltura guida la produzione ittica per il consumo umano
In evidenza

26 Febbraio 2018
Author :  

Secondo la FAO, l'industria dell'acquacoltura globale svolgerà un ruolo sempre più cruciale negli sforzi di sicurezza alimentare poiché la popolazione mondiale raggiungerà circa 9,7 miliardi di persone entro il 2050. Dati gli ultimi dati presenti nell'edizione 2016 del rapporto della FAO “State of World Fisheries and Aquaculture”, il settore sembra pronto per la sfida.

L'allevamento di prodotti ittici ha già avuto un impatto considerevole sull'offerta mondiale di pesce pro capite, che nel 2014 ha raggiunto il livello record di 20 chilogrammi, grazie in gran parte alla costante crescita dell'acquacoltura, ha affermato la FAO. Proprio nel 2014, per la prima volta in assoluto, l’acquacoltura è stata responsabile di fornire più pesce per il consumo umano rispetto alla pesca, producendo 73,8 milioni di tonnellate di pesce con un valore di prima vendita stimato di 160,2 miliardi di dollari (131,3 miliardi di euro).

Secondo il rapporto, mentre la produzione di pesca di cattura selvatica è rimasta relativamente statica dalla fine degli anni '80, il contributo del settore dell'acquacoltura ha seguito una tendenza al rialzo costante negli ultimi decenni. Nel 1974 gli allevamenti ittici erano responsabili solo del 7% del pesce destinato al consumo umano, quella quota è salita al 26% nel 1994 e al 39% nel 2004.

La maggior parte dei prodotti ittici prodotti attraverso l'acquacoltura è destinata al consumo umano, il che ha contribuito al dinamismo del settore. La capacità di produrre in modo affidabile molte specie diverse di pesci, molluschi e piante acquatiche ha facilitato i guadagni per l'industria dell'acquacoltura mondiale. Secondo il rapporto della FAO, nel 2014 sono state coltivate in tutto il mondo complessivamente 580 specie e / o gruppi di specie, tra cui 362 pesci (compresi gli ibridi), 104 molluschi, 62 crostacei, 6 rane e rettili, 9 invertebrati acquatici e 37 piante acquatiche.

Secondo il rapporto della FAO, nel 2014 gli allevatori di prodotti ittici hanno prodotto 49,8 milioni di tonnellate di pesce (81,3 miliardi di euro), 16,1 milioni di tonnellate di molluschi (15,5 miliardi di euro), 6,9 milioni di tonnellate di crostacei (29,6 miliardi di euro) e 7,3 milioni di tonnellate di altri animali acquatici, tra cui rane (3 miliardi di euro).

Alcune regioni del mondo hanno iniziato a favorire la produzione dell'acquacoltura rispetto ad altri metodi. Nel 2014 trentacinque paesi, che rappresentano complessivamente il 45% della popolazione mondiale, hanno prodotto più prodotti ittici coltivati ​​rispetto alla pesca, tra questi i principali pionieri dell'acquacoltura come Cina, India, Vietnam, Bangladesh ed Egitto
"Gli altri 30 paesi di questo gruppo hanno settori dell'acquacoltura relativamente ben sviluppati, come la Grecia, la Repubblica Ceca e l'Ungheria in Europa, e la Repubblica democratica popolare del Laos e il Nepal in Asia", si legge nel rapporto.

Complessivamente, nel periodo di riferimento, la produzione mondiale di acquacoltura di pesce ha rappresentato il 44,1% della produzione totale (anche per usi non alimentari), in aumento al 42,1% registrato nel 2012 e al 31,1% registrato nel 2004. 

La maggior parte dei continenti di tutto il mondo ha aumentato la propria quota di contributi all'acquacoltura per quanto riguarda la produzione totale di pesce, fatta eccezione per l'Oceania.

L'Asia continua ad essere una regione da osservare in termini di innovazione. Paesi come la Cina, che rappresenta oltre il 60% della produzione mondiale dell'acquacoltura, hanno dimostrato di essere i principali attori nel progresso del settore ittico allevato e dovrebbero continuare a guidare il settore.

"L'Asia nel suo insieme ha spinto ben oltre gli altri continenti nell'aumentare la produzione ittica di pesce pro capite per il consumo umano, ma esistono enormi differenze tra le diverse regioni geografiche dell'Asia", afferma il rapporto.

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Top
L'Utilizzo dei cookie migliorano il nostro sito . Continua ad utilizzare questo sito web, dai il consenso all'utilizzo dei cookie . More details…