Acquacoltura. Cresce l'interesse globale per mangimi alternativi
In evidenza

05 Luglio 2018
Author :  

Secondo la Food and Agriculture Organisation (FAO), ogni anno vengono utilizzate in media 18,90 milioni di tonnellate di pesce come sardine, acciughe o aringhe per produrre farina e olio di pesce. La FAO prevede anche che entro il 2030 sarà disponibile il 25%  di pesce catturato in natura in meno, rispetto a oggi e che l'acquacoltura vedrà una riduzione simile a meno che non possa affrontare la carenza di farina di pesce per l’industria dei mangimi.

In questo panorama si fa spazio Feed Innovation Network (FIN) è un progetto che guarda al futuro dei mangimi per pesci (F3), che incoraggia innovazioni più sostenibili incluso l'uso di ingredienti alternativi. Con la preoccupazione che il pesante uso di farina di pesce e olio di pesce rappresenti una minaccia per la catena alimentare, è stata pensata la collaborazione tra ONG, ricercatori universitari, governo e partnership private per accelerare lo sviluppo e l'adozione di ingredienti che potrebbero sostituire l’utilizzo di pesci selvaggi.

"Abbiamo bisogno di ingredienti innovativi per l'acquacoltura, allo scopo di garantire la continua disponibilità di farina di pesce e olio di pesce, un'importante proteina globale per la sicurezza alimentare e per preservare la rete alimentare marina e la salute dei nostri oceani", ha affermato il team F3.

Al fine di accelerare l'adozione di ingredienti alternativi da parte del settore, FIN condivide le informazioni su questi ingredienti attraverso il suo sito Web f3fin.org. Queste informazioni comprendono test sperimentali sulle prestazioni, come l'appetibilità, la digeribilità e il valore nutrizionale. Questi sono poi resi disponibili a una rete di aziende di mangimi, fornitori di ingredienti, operatori di acquacoltura e investitori.

Oltre ai protocolli sperimentali, il sito web di FIN contiene anche informazioni sulle strutture che possono condurre esperimenti per valutare ingredienti e mangimi e un elenco di aziende che hanno già ingredienti alternativi o mangimi per l'acquacoltura disponibili per l'acquisto o che sono in procinto di testarli. Esempi di ingredienti valutati dalla FIN sono: farina batterica, farina di insetto, proteine ​​a base vegetale, alghe, lievito e co-prodotti agricoli.

L'acquacoltura è pronta a fornire cibo a una popolazione mondiale che dovrebbe aumentare di 1 miliardo entro il 2050. Gli stock ittici catturati in natura sono in calo, ma l'acquacoltura continua a utilizzare queste risorse, perché sono più economiche di alcuni ingredienti alternativi. Il team F3 è sicuro che lo sviluppo di mangimi innovativi possa essere ulteriormente incoraggiato e accelerato.

"I governi possono finanziare la ricerca per trovare alternative praticabili e le grandi aziende possono scalare la produzione di prodotti alternativi man mano che vengono scoperti, in modo che i loro prezzi possano diminuire ed offerti a costi contenuti", ha detto il team F3. "FIN è stato concepito per sostenere e accelerare la comunicazione delle scoperte a livello globale, in modo che le alternative possano essere adottate il prima possibile per ridurre la pressione sui pesci catturati in natura."

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Top
L'Utilizzo dei cookie migliorano il nostro sito . Continua ad utilizzare questo sito web, dai il consenso all'utilizzo dei cookie . More details…