Lorito. Ricci di mare, una questione spinosa
In evidenza

20 Aprile 2018
Author :  

I ricci di mare sono una risorsa apprezzata a livello mondiale, in particolare in Giappone, che è il maggior consumatore.

Degli esemplari si consumano le gonadi, che, per essere accettate al mercato, devono essere larghe, ferme e non amare.

In Italia, la produzione è locale utilizzando specie tipiche dei nostri mari, in particolare il Paracentrotus lividus. Il problema, tuttavia, è che la pesca ha ormai sovrasfruttato gli stock selvatici e l’unico impianto in Italia che produceva ricci di mare ha chiuso a fine del 2017. Inoltre anche l’allevamento presenta dei punti critici: l’ingrasso delle gonadi degli esemplari pescati è facile e dura tre mesi di tempo, ma il ciclo completo di allevamento è molto complesso e di durata variabile in base alle specie utilizzate, infatti far riprodurre gli esemplari è molto semplice, ma il problema è che il tasso di sopravvivenza delle larve e il tasso di individui metamorfasati sono molto bassi e l’accrescimento è lento (per Paracentrotus lividus sarebbero necessari circa 5 anni per raggiungere la taglia commerciale).

Tutto ciò porta a continuare una pesca eccessiva sugli stock selvatici ormai talmente depauperati, che sono a rischio estinzione. Ad esempio, in Sardegna lo sfruttamento è tale che il 60-70% degli esemplari pescati è sottotaglia (inferiore a 5 cm) e quindi illegale. Inoltre, si deve notare che il consumo di ricci di mare è in aumento ed è continuo per tutto l’arco dell’anno, tanto che i pescatori, che prima svolgevano questa attività di pesca come integrazione, adesso la fanno come principale e con tecnologie molto più avanzate, che permettono di catturare un numero maggiore di esemplari.

Infine, è importante sottolineare che non tutti i fondali sono adatti allo sviluppo di ricci di mare, ma solo quelli rocciosi e ricchi di anfratti e il depauperamento della risorsa porterà a ripercussioni dirette sull’ecosistema. Tuttavia, in Sardegna, sono stati gli stessi cittadini ad accorgersi di una possibile estinzione della risorsa e di una eccessiva presenza di operatori del mare, anche in parte non autorizzati. Infatti, i professionisti devono sottostare a regole e alle limitazioni imposte annualmente da un decreto regionale, mentre chi opera in modo illegale non rispetta nulla di tutto ciò e contribuisce solo ad un depauperamento della risorsa. Quindi gli stessi titolari di licenza hanno posticipato l’inizio della stagione di pesca e anticipato la chiusura, diminuendo anche i limiti massimi di cattura.

Inoltre, gli abitanti e ristoratori hanno eliminato il riccio di mare dal loro menù, poiché pensano che rinunciarci adesso possa permettere di mangiarli poi in seguito.

In conclusione, il riccio di mare è una risorsa da salvaguardare e per il momento, forse, è meglio rinunciarvi, sperando in un’apertura di più impianti nel futuro a ciclo completo. È importante ricordare che ognuno nel suo piccolo può fare qualcosa per aiutare gli ecosistemi!

Luna Lorito

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Top
L'Utilizzo dei cookie migliorano il nostro sito . Continua ad utilizzare questo sito web, dai il consenso all'utilizzo dei cookie . More details…