Lorito. I possibili utilizzi dei gusci dei molluschi bivalvi
In evidenza

27 Aprile 2018
Author :  

Con l’arrivo dell’estate, molte persone andranno in vacanza al mare e si appresteranno a mangiare piatti di pesce, crostacei e molluschi. Una volta finito il pasto, si ritroveranno sul tavolo una ciotola con dentro i gusci di cozze e vongole, ad esempio, ma che fine fanno questi sottoprodotti (quasi 7 milioni di tonnellate)?

Innanzitutto è opportuno sottolineare che non possono essere buttati nell’umido, poiché questo è finalizzato alla produzione di compost da usare come fertilizzante. Infatti, il guscio dei molluschi bivalvi è composto da carbonato di calcio (90-95%), fosfato di calcio e conchiolina (una sostanza proteica): tutto ciò rende il guscio di natura inorganica e di composizione calcarea, incompatibile con il processo accelerato di compostaggio. Perciò, avendo una decomposizione lunga, devono essere gettati nell’indifferenziata, anche se questa pratica è dannosa per l’ambiente ed è uno spreco di biomateriali riutilizzabili. Tuttavia, è meglio informarsi nel proprio comune poiché pochissimi impianti in Italia riescono a trattare questo scarto.

I gusci dei molluschi bivalvi, però, possono avere anche una seconda vita e quindi non essere considerati come rifiuti o scarti. Innanzitutto, i gusci delle ostriche sono i più facili da riciclare, poiché le ostriche più piccole usano i gusci di quelle più grandi. Quindi possono servire per ricostruire i banchi di ostriche o avviarne l’allevamento. Inoltre si usano anche per mantenere sciogliere già esistenti, rispristinare gli ecosistemi degradati e creare habitat per pesci e crostacei per la pesca commerciale (per maggiori informazioni: oysterrecycling.org). Inoltre, grazie alla loro composizione, possono essere utilizzati per il controllo dell’acidità del suolo in agricoltura, come integratori per mangimi di galline e come ingrediente per la produzione di cemento. Nel 2014, infatti, in Italia era stato fatto, sotto un profilo normativo e giuridico, uno studio per l’utilizzo di gusci di bivalvi per contrastare l’erosione nella laguna di Venezia. In particolare, si è cercato di dimostrare che non sono classificabili come rifiuti, ma come sottoprodotti: infatti, dopo una desalinizzazione ed essiccatura, possono essere utilizzati per la produzione di cemento o il riempimento delle burghe, cioè dei “salsicciotti” utilizzati contro l’erosione. Quindi questi si possono utilizzare successivamente ad una richiesta e autorizzazione da parte dell’amministrazione competente, quindi la regione.

In aggiunta, già nel 2013, alcuni ricercatori del Dipartimento di Ingegneria Chimica dell’Università di Bath (Inghilterra), avevano scoperto che i gusci delle cozze (in particolare l’ossido di calcio) potevano essere utilizzati nel trattamento dei reflui. Quest’ultimo è composto da tre fasi: nella prima di rimuovono i rifiuti solidi e gli oli, nella seconda si filtra l’acqua e nella terza si migliora la qualità dell’acqua rimuovendo i contaminanti finali come i fertilizzanti e i farmaci. I gusci possono essere utilizzati nell’ultima fase come fotocatalizzatore alternativi per il biossido di titanio.

Tuttavia, anche se i gusci dei molluschi bivalvi possono avere molte vite secondarie, la normativa, per il momento, è orientata allo smaltimento piuttosto che al riciclaggio di questi prodotti. Quindi, il mio consiglio, è di diventare creativi per riutilizzarli nell’ambiente domestico, come centrotavola, arredo (ad esempio in barattoli), porta candele, collane, vialetti, eccetera.

Luna Lorito

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Top
L'Utilizzo dei cookie migliorano il nostro sito . Continua ad utilizzare questo sito web, dai il consenso all'utilizzo dei cookie . More details…