API e Federpesca. "Tutela e valorizzazione delle tradizioni alimentari locali, dei prodotti tipici, biologici e di qualitĂ "
In evidenza

12 Aprile 2017
Author :  

Un grande risultato. Con l’impegno e le attività realizzate sul territorio dalle nostre due associazioni e il confronto tra gli operatori della filiera della pesca e dell'acquacoltura si sono messe in evidenza le possibili sinergie tra i due settori che si collocano in modo complementare nella filiera ittica “Made in Italy”.

Il comparto deve diventare sempre più strategico, il pesce d’allevamento è buono, controllato e accessibile. Servono, però, maggiore informazione e promozione. "Questo l’obiettivo, pienamente riuscito, di questa nostra iniziativa che è stata capace di unire i territori, valorizzando tipicità e tradizioni" Lo ha detto Pier Antonio Salvador, presidente dell'Associazione Piscicoltori Italiani, introducendo i lavori del convegno in occasione della chiusura dell’iniziativa: "Tutela e valorizzazione delle tradizioni alimentari locali, dei prodotti tipici, biologici e di qualità", finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (MIPAAF).

Il progetto, realizzato dall’Associazione Temporanea di Scopo costituita dalla Federazione Italiana delle imprese di pesca (Federpesca) e dall’Associazione Piscicoltori Italiani (API), è iniziato nello scorso ottobre e ha promosso una strutturata campagna che, da un lato, serviva ad informare gli operatori del settore della pesca e dell’acquacoltura sulle misure per garantire le migliori condizioni di gestione delle attività di produzione e di commercializzazione dei prodotti, dall’altro a promuovere il settore ittico ed i suoi prodotti, attraverso azioni di comunicazione mirate a rafforzare una visione positiva del ruolo dei produttori anche nella gestione responsabile delle risorse. Quattro gli eventi svolti a Chioggia (VE), Torre Canne (BR), Stintino (SS) e Piombino (LI).

Solo il 15% del fabbisogno nazionale viene soddisfatto dalle imprese italiane di pesca ed acquacoltura: in Italia l’85% dei prodotti ittici è importato.

Luigi Giannini, presidente di Federpesca, si è soffermato sulle opportunità di sviluppo dell'acquacoltura e della pesca e sulle criticità che gli operatori dei due settori affrontano quotidianamente. “La valorizzazione e la commercializzazione delle nostre produzioni ‘Made in Italy’ – ha osservato – passano anche attraverso la creazione di Organizzazioni di Produttori, altre forme associative e attraverso la creazione di Marchi Collettivi capaci di promuovere il settore ittico ed i suoi prodotti, valorizzandone le tradizioni e promuovendone la tipicità”

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Top
L'Utilizzo dei cookie migliorano il nostro sito . Continua ad utilizzare questo sito web, dai il consenso all'utilizzo dei cookie . More details…