Oceana. Fermare la pesca illegale vietando i trasbordi in alto mare
In evidenza

05 Maggio 2017
Author :  

Una nuova ricerca stabilisce che è necessario un divieto totale per la pratica di trasbordo in alto mare per aiutare a fermare la pesca illegale e a ridurre i casi di tratta di esseri umani e lo sfruttamento sul lavoro che spesso accompagnano le attività di pesca illegali.

"Il trasbordo consente ai pescherecci di rimanere in mare per lunghi periodi di tempo", spiega la ONGOceana di Washington DC. "I pescherecci e le navi cargo si riuniscono in mare per trasferire pescato, carburante o forniture. Mentre questa pratica di trasbordo può essere legale in molti casi, può anche facilitare il riciclaggio di pesci catturati illegalmente, soprattutto nei mari e nelle acque che circondano le nazioni in via di sviluppo e le piccole isole con risorse insufficienti per i controlli delle loro acque ".

Come spiegato in un rapporto pubblicato il mese scorso, Oceana ha evidenziato che quasi il 40 per cento di sospetti casi di trasbordi non legali si verificano in alto mare, aree al di fuori di qualsiasi giurisdizione nazionale, che costituiscono circa due terzi degli oceani della Terra. Il mare di Okhotsk (Russia), il mare di Barents, le acque nazionali della Guinea-Bissau e appena fuori dalle acque nazionali dell'Argentina e del Perù, sono i più importanti punti di forza di trasbordo del mondo.

La relazione di Oceana è stata basata su un'analisi dei dati raccolti da SkyTruth e Global Fishing Watch, una partnership tra Google, Oceana e SkyTruth che documentava più di 5.000 casi probabili di trasbordo illegale e oltre 86.000 potenziali tra il 2012 e il 2016. In un articolo pubblicato nella rivista Marine Policy il mese scorso, un team di ricercatori afferma che è necessario un divieto globale per la pratica di trasbordo in alto mare per prevenire abusi illegali e abusi dei diritti umani nel settore della pesca globale.

"Questa pratica si verifica spesso in alto mare e al di là della portata della giurisdizione di qualsiasi nazione, consentendo alle navi che pescano illegalmente di eludere la maggior parte delle misure di monitoraggio, di sistemare i loro carichi e di riprendere la pesca senza tornare in porto", ha affermato Jennifer Jacquet del Department of Environmental Studies at New York University (NYU)

Chris Ewell, autore del documento, ha aggiunto: "Più significativamente, il trasbordo in mare può facilitare la tratta e lo sfruttamento di lavoratori imprigionati e abusati sulle navi da pesca semplicemente perché non c'è autorità per proteggere quelli che vengono sfruttati". Secondo Ewell: “ la proibizione totale della pratica è fondamentale se vogliamo frenare la pesca illegale, che causa perdite globali annuali stimate fino a 23,5 miliardi di dollari, e garantire la futura sostenibilità della pesca. Un divieto totale di trasbordo in mare supporterebbe la capacità delle autorità di vigilanza a individuare e prevenire la pesca illegale e ridurre probabilmente il traffico di esseri umani e il lavoro forzato. ”

 

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Top
L'Utilizzo dei cookie migliorano il nostro sito . Continua ad utilizzare questo sito web, dai il consenso all'utilizzo dei cookie . More details…